Poesie

Silvio Cappella, Consigliere Comunale (1837-1891)

In piassa del marcà d'la part di donn / tra Bossi al mercantin e Miavacca / su du pilastar e ventidou coulòn / s'inalsa maestosa una baracca: / gh'è l'urlog, al scalon, du bei ringhier, / gh'è la Madona e quatar candilèr.

Mauro Donetti (Madunet) (1869-1956)

Mi mia ricordi come fuss ier / che in Piassa Granda, in degh'è l'urlog / gh'era la Madona cun quatar candilèr / Des la gh'è più: l'è andat a fini in Dom.

Mario Grazioli (2002)

«Pavia la Madonna tornata in Piazza Grande» Quanta storia e quanti afèt, / quanti oc i t'han implurà / e Ti là, in piasa Granda, dal Brulèt / in si paves serat atenta a viglià. Quanti aveniment suta al To sguard / ad mama bona e prutetiva, / Ti sèt stata un baluard / par chi a Ti fiducius as rivulgiva. Dal tempo di spagno, a la fine dal votcent / Tè duminà in sla piasa ad Pavia, / l'è no pusibil inco cuntà la gent / che alsand i oc Than dit "Ave Maria/. Ma po, in Dom han pensà da ritirat, / là in mès ai Sant dal bon Gesù / i lì oh Madona Santa t'è finì par eclisat, / pariva che i paves t'ricurdavan pù. Ma ecu d'un trat la putensa ad Maria ! / Dopo pù ad cent'an, tuta restaurà, / la riturna in sal Brulèt a pruteg la so Pavia / là in piàsa Granda mè quatar secul fa.

Luciano Barbaglia (2017)

Ieri e oggi

O Madunina, là in fond a la piassa
dadrè d’un vedar mia trop trasparent,
ch ‘at guardat giù, cul tò Bambin in brassa
la not e ‘l dì ‘n s’al va e ve ‘d la gent,
‘na volta, par, ta stavat in s’la cima
Ià, in alt, in s’ al palassi dal Brulet
e’t benedivat, standa in pe’là in sima
i frutarol cun tuti i so banchet;

Tra chi vendiva e chi gniva a cumprà,
a dumandà difesa e prutesion
suta i to pe’ gh’er tuta la cità;

adess ch’at guardat giù un po’ da scundon      
at vèda ben sultant chi ‘t vo’cercà
e ‘l guardà in su, travers al finestron.
O Madonnina, là in fondo alla piazza
dietro un vetro mica troppo trasparente,
che guardi giù col tuo bambino in braccio
la notte e il giorno sul via-vai della gente,
una volta, pare , stavi sulla cima
là, in alto, sul palazzo del Broletto
e benedivi, stando in piedi là sopra
le fruttivendole con tutti i loro banchetti;

Tra chi vendeva e chi veniva a comperare,
a domandare difesa e protezione
sotto i tuoi piedi c’era tutta la città;

adesso che guardi giù un po’ di
nascosto
ti vede bene soltanto chi ti vuole cercare
e guarda in su, attraverso il finestrone

Bellezza pensosa

Madonna mia cui la fronte spaziosa
circondan l’onde dei molli capelli,
Qual cura mai ti fa così pensosa,
ti stringe il cuore dietro gli occhi belli?

Tu vedi tutti noi, ci porti in cuore
e conosci d’ognuno il suo cammino,
di tutti sai la gioia ed il dolore
la libertà di ognuno e il suo destino.

Prega per noi nell’ora che trascorre,
ricoprici del manto tuo turchino,
Tu, dal nemico inespugnata torre,

Tu, nostra forza, Tu scudo divino;
veglia su la città che a Te ricorre,
mostraci sempre il Tuo Santo Bambino